Cicloturismo a Jesolo e Biciclette gratuite all’Hotel Torino

Negli ultimi anni il turismo è notevolmente cambiato grazie alle nuove tecnologie, alla grande influenza dei social network e a tutti gli input che ci arrivano da ogni parte del mondo. Viviamo nell’era del ‘voglio tutto e desidero sperimentare tutto’  e, in quest’ottica il turismo si è trasformato in un’offerta alquanto articolata e varia .  Non è più sufficiente scegliere la vacanza al mare, ma , nella vacanza al mare bisogna dare tante e varie possibilità di svago, di sperimentazione e di attività.
In quest’ottica  viene promosso il turismo green e sostenibile, un turismo che permette di godersi la natura, di visitare luoghi meno conosciuti  anche di località note. Per far fronte a queste nuove richieste, in Italia, come già da tempo all’estero, si promuovono tipi di turismo green e sostenibili e, proprio per questo, si sta evolvendo il cicloturismo. Questo tipo di turismo è ideale per gli amanti della bicicletta, ma non solo, anche per chi , in vacanza, decide di prendersi qualche ora per esplorare angoli meno noti  che permettono un contatto vivo con la natura .
In questo clima di turismo verde,. Jesolo si è inserita perfettamente creando e sviluppando la sua pista ciclabile che è di tutto rispetto e, unitamente alla Pista Ciclabile , è nata la Jesolo Ambient Bike  per scoprire i 150 km di percorsi ciclabili  che si snodano a Jesolo a Jesolo e nei dintorni.
Scegliere Jesolo è scegliere fondamentalmente una  vacanza di mare, ma, stare solo ad abbronzarsi, spesso annoia, soprattutto il turista più attivo e curioso. E, grazie ad una natura vivida e varia, dal mare, alla laguna, dalla campagna alle  riserve naturali, la nostra città offre infinite possibilità di scoperta ed esplorazione. Ed ecco perché, dopo aver creato e curato i percorsi ciclabili, è stata creata la guida  Jesolo Ambient Bike che conduce lungo i sei percorsi scelti e sviluppati per i cittadini di Jesolo e i turisti,  con indicazioni su agriturismi, assistenza e Aziende agricole che si possono raggiungere , dividendo i percorsi in colori  che riportiamo senza variare dalla guida  e che alleghiamo in modo che possiate scaricarveli e provarli quando passerete le Vostre vacanze al mare a Jesolo
 
1.Percorso arancio Terracqueo
2.Percorso rosa Riviera Piave 
3.Percorso verde Laguna di Venezia
4.Percorso blu La campagna 
5.Percorso rosso Bonifica
6.Percorso giallo Urbano
A Jesolo non ci sono altitudini, tutto diventa quindi a portata di pedale, sia di pedale più allenato che di pedale meno allenato.
Per aiutare in tutto ciò, oramai quasi tutti  gli hotels a Jesolo forniscono gratuitamente  biciclette ai loro ospiti. Anche noi dell’Hotel Torino  ci siamo adeguati oramai da un po’ di anni. Ricordo che avevamo iniziato con delle biciclette senza scritta ed anche un pochino sgangherate, ma, vedendo quanto fossero piaciute, e fossero state apprezzate quella lontana estate 2012 dagli ospiti, siamo subito corsi ai ripari la stagione successiva fornendo biciclette decisamente più fashion, più sicure e con la nostra scritta, orgogliosi di poter dare un servizio extra gratuito a chi ci sceglie. E dalla scorsa estate, consapevoli che siamo un hotel per famiglie, abbiamo anche comperato i seggiolini da attaccare alle biciclette.
Mi ricordo la prima volta che ho aiutato una cliente ad attaccare il seggiolino, abbiamo riso come due pazze, entrambe in seria difficoltà. Io che mi scusavo dicendo che sono giustificata in quanto non ho bimbi e lei che lottava con le cinghie. E’stata un’impresa titanica, ma vederla partire con la bimba, è stata una gran gioia e  dopo un primo monitoraggio molto attento, l’ho persino filmata !
La città di Jesolo stessa,  ha creato il bike sharing , mettendo a disposizione gratuitamente per residenti e turisti circa 120 biciclette in cambio del documento d’identità che verrà reso alla restituzione della bicicletta. Grazie alla nostra posizione centralissima  su via Bafile, l’Hotel Torino ha ben tre postazioni vicinissime dove si possono ritirare le biciclette , la postazione di Piazza Trento, di Piazza Internazionale e di Piazza Aurora .
Se siete dei veri accaniti di bicicletta, perché non portarVi le Vostre bici, che di certo saranno professionali e Vi potranno permettere di percorrere distanze più lunghe . Capiamo perfettamente che possiate aver paura a lasciarle in parcheggio ed ecco perché noi dell’Hotel Torino di certo Vi aiuteremo a trovare il giusto riparo alla bicicletta, o che sia nel balcone di camera Vostra, grande a sufficienza per questo proposito, o lungo gli stessi corridoi dell’hotel  al pianterreno che spesso usiamo per scopi di servizio.
Volete farVi un’escursione di un’intera giornata ed avete prenotato in pensione completa ? Nessun problema per addebitare la mezza pensione o prepararVi un cestino pranzo con panini imbottiti a Vostra scelta, o insalata di riso pasta, frutta, piatti freddi e acqua a volontà.  
Vi alleghiamo i percorsi ciclabili in pdf nella sezione offerte del nostro sito per poterli sacricare gratuitamente insieme ad un’altra offerta per chi ama il cicloturismo e quando sceglierete Jesolo, saprete già cosa possa essere fattibile ed allettante per Voi, un’intera giornata, poche ore, un pomeriggio, ma di sicuro una gita in bicicletta, alcune ore nella natura aggiungeranno quel relax extra alla Vostra vacanza .
Vi aspettiamo a Jesolo

La Laguna del Mort e il nudismo :Jesolo offre mille possibilità.

Ma lo sapevate che vicino a Jesolo c’è anche una spiaggia per nudisti?È stata un pochino tristemente nota perché regno degli scambisti, dei gay, o lesbiche, ma oramai il pregiudizio è stato abbastanza  superato. La spiaggia del Mort è prima di tutto un’oasi per nudisti,  che ti accettano solo se sei nudista, per iniziare. Poi, quello che vuoi ,  per quello che desideri fare è una tua scelta. L’importante è non andare per curiosare, ma andarci  perché si accetta una filosofia di vita, perché il rispetto va dato a tutti. 
Ho cercato disperatamente il perché del nome, e sembra che, seconda una leggenda, il cadavere di un annegato riapparisse di tanto in tanto a spaventare i bagnanti. Ma altre versioni o spiegazioni non ne ho trovate, sembra quasi che il Mort sia un argomento ancora poco toccato nel web, perchè forse, chi lo frequenta, preferisce ancora difendere questa isola, anzi penisola di possibilità e libertà.
Ebbene sì, è la Laguna del Mort. Facile da raggiungere da Eraclea Mare, anche se  l’accesso nasconde qualche trucco. Si può andare ad Eraclea Mare, parcheggiare in via dei Pioppi e con un gommone o a nuoto  attraversare quei pochi metri che separano Eraclea Mare dalla spiaggia del Mort. A volte, se si è alti, e c’è bassa marea (aggiornarsi sulle ore ), si può arrivare anche camminando . La marea infatti tocca punte minime di mezzo metro a punte massime di due metri.Se non si ha un gommone, basta , da via dei Pioppi, camminare a piedi seguendo la linea della penisola, della sua costa  fino ad arrivare al mare e ci si può entrare a piedi.  Si tratta di una camminata sulla sabbia di circa 4 km, cioè di circa 40 minuti abbondanti, tempo che di sicuro dipende dal Vostro allenamento. Da Jesolo, invece ci si accede solo in barca , oppure andando in auto ad Eraclea mare . Da ciò si deduce che si tratta di una penisola,  nata dalla rotta del  Piave che nel 1936 circa, causa inondazione, ha tagliato i ponti con la terra ferma, lasciando solo un legame con la terraferma.  
Zona  definita da Legambiente una delle più belle  spiagge del Veneto , così come Turisti per Caso l’hanno  eletta una delle spiagge più belle d’Italia. E’ inoltre molto interessante a livello naturalistico per le varie specie di flora e fauna che la popolano e che ovviamente variano a seconda della stagione.
Anche qui, come a Jesolo, la spiaggia è di sabbia dorata, ma, lontani dal vedere ombrelloni e lettini, troverete una distesa di ‘capanne’ con zone a tema, zone dedicate a  nudisti, scambisti, gay, lesbiche. Non ci sono cartelli, ma si capisce bene dalla popolazione, in che settore ci si trova .Andarci, significa essere pronti a trovare un mondo completamente diverso dalla spiaggia di Jesolo, un mondo che può suscitare perbenismo, entusiasmo o anche rigetto.Bisogna solo essere pronti al tutto o nulla. Io credo, che, se non si è pronti, se non si crede fermamente nel nudismo, e in una gran varietà di pensieri ed atteggiamenti, non valga la pena varcare quella ‘porta’. 
Leggendo nel blog e forum, scopro che c’è un codice che vige , un codice di segni che permette di far capire se si può entrare o meno nella capanna. Un perizoma rossa sulla capanna chiede privacy, uno verde  comunica invece la possibilità di ospitare qualcuno. Fra le varie letture che ho effettuato nei forum, ho trovato persino quella di una coppia di tedeschi, che , con salsicce, e carne alla griglia aspettavano che qualcuno andasse verso la loro capanna. Giudicare non fa parte di me, credo solo fermamente nella libertà di pensiero e  di comportamento  e nel rispetto altrui.  
Una zona del Mort  è stata dichiarata spiaggia per nudisti, un tratto di circa 150 metri  con una convenzione stipulata fra Comune e Anaa e sappiamo bene che esiste un turismo di nudisti, soprattutto straniero, alquanto fiorente e perciò economicamente interessante per le nostre zone.  Nei vari blog che ho letto per aggiornarmi, noto anche chi si lamenta di trovare gente poco interessata al naturismo vero e proprio, e questo è un gran peccato, perchè libertà per tutti, nel rispetto reciproco, penso sia un segno di civiltà.Ogni fine settimana ci arrivano, secondo dati del 2014, dai  3.000 ai 5.000 turisti . Una questione spinosa, che continua a non risolversi a pieno per le difficoltà delle leggi italiane in materia di nudismo.  E questo è un peccato. Un’oasi naturalistica, ancora non ben delineata, è un pochino buttata là, all’arrembaggio, anche come risorsa per un determinato tipo di turismo.
Un articolo del blog del nostro hotel , non per giudicare, ma semplicemente per informare, semplicemente per far sapere  che Jesolo non è solo ombrelloni e lettini,non è solo movida, non è solo composta da centinaia di hotels che offrono pensione completa, mezza pensione,  offerte, sconti per bimbi, ma la nostra spiaggia si presenta con un’offerta varia ed eterogenea ; la nostra città, come la più moderna città metropolitana, offre di tutto e di più, e si pone come spiaggia adatta a soddisfare tutti i gusti e le necessità.